IRIDRA

Fitodepurazione - Constructed Wetlands - Sustainable Water Management

Select Language:

Contattaci

 Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 Telefono 055.470729
 Fax 055.475593
 Indirizzo Via Alfonso la Marmora, 51 - 50121 - Firenze

E' consentito l'utilizzo del materiale del sito previa citazione del sito stesso, come specificato a fondo pagina

Biopiscine

Le biopiscine ricreano artificialmente laghetti balneabili, sfruttando processi di depurazione naturale per la pulizia delle acque di ricircolo: il trattamento e la disinfezione dell’acqua viene fatto naturalmente, senza l’ausilio di prodotti chimici che spesso si rivelano, oltre che costosi, dannosi alla salute.

IRIDRA è in grado di proporre ai propri clienti, in collaborazione con gli esperti leader nel campo delle biopiscine, soluzioni complete per la progettazione di biopiscine.

Approfondimento

I biolaghi e le biopiscine (Natural Swimming Pool - NSP) nascono con l’obiettivo di creare dei laghetti balneabili con una depurazione naturale dell’acqua di ricircolo; si distinguono dalle piscine per:

  • totale assenza di prodotti e/o trattamenti chimici
  • assenza di lavaggio di filtri artificiali;
  • assenza di scarico in fognatura (non serve quindi l’allacciamento);
  • non è necessario lo svuotamento invernale e conseguente riempimento primaverile (con notevoli risparmi di risorsa idrica);
  • ottimo inserimento ambientale.

Il vantaggio di questi sistemi è soprattutto individuabile nella facilità e economicità della gestione: il trattamento e la disinfezione dell’acqua viene fatto naturalmente, senza l’ausilio di prodotti chimici che spesso si rivelano, oltre che costosi, dannosi alla salute.

Chi "pulisce" l'acqua?

Il trattamento dell’acqua di ricircolo viene effettuato in comparti vegetati molto simili come tipologia costruttiva a sistemi di fitodepurazione, assieme a componenti meccanici speciali come skimmers e filtri per rimuovere le impurità; in realtà a ben vedere ciò che assicura la limpidezza e la qualità biochimica delle acque è l’equilibrio che si crea naturalmente all’interno dell’intero sistema, consentendo lo sviluppo di colonie di particolari e diversi micro-organismi che filtrano l’acqua e partecipano ai processi di degradazione e trasformazione di sostanza organica e nutrienti e alla riduzione della carica patogena.

Come sono fatte?

La biopiscina o biolago è essenzialmente suddiviso in due aree distinte, una per la balneazione e l’altra per la “rigenerazione”.

La parte adibita alla balneazione è quella adatta per nuotare, con forme a volte geometriche, a volte più naturali, realizzata scavando il terreno e impermeabilizzando lo scavo con liner plastici atossici, spesso anche con pareti in cemento rivestite con elementi in pietra, legno ecc;
La zona di rigenerazione è invece una zona con pochi centimetri di acqua, con sottofondo in ghiaie di varia tipologia e/o altri substrati attivi, dove possono trovare dimora varie specie di piante acquatiche che, oltre a garantire un aspetto piacevole e naturale, permettono l’instaurarsi di un habitat ad elevata biodiversità e lo sviluppo di microorganismi capaci di mantenere igienicamente stabile la qualità dell’acqua.

Il collegamento tra le due zone può avvenire tramite una soglia di sfioro, che evita che il materiale del fondo in risospensione tracimi intorbidendo l'acqua: in tal caso si parla di biopiscina a vasca unica, e le due zone sono in diretta comunicazione tra di loro. Questo assicura una maggiore naturalità dell’intervento ma al tempo stesso richiede maggiore manutenzione se si vuole avere un’acqua molto limpida, dato che materiale vegetale galleggiante può invadere la zona di balneazione.

Quando invece le due zone sono idraulicamente separate, si parla di biopiscina a vasche separate: è la tipologia che garantisce il miglior grado di limpidezza delle acque e quella attualmente usata maggiormente soprattutto per piccoli specchi d’acqua ad uso balneabile. L’acqua arriva alla zona di rigenerazione e ritorna in zona di balneazione mediante un sistema di tubazioni e pompe a basso consumo; la maggiore ingegnerizzazione in realtà viene “nascosta” dalle scelte di design e le due zone possono apparire come in comunicazione, mantenendo le caratteristiche di naturalità dell’ambiente

Esperienza IRIDRA

E’ evidente come i processi che garantiscono acque balneabili nelle piscine naturali sono per molti versi simili a quelli che avvengono, seppur con maggiori concentrazioni di inquinanti, nel trattamento delle acque reflue. IRIDRA è in grado di proporre ai propri clienti, in collaborazione con gli esperti leader nel campo delle biopiscine, soluzioni complete comprendenti la progettazione architettonica, la scelta e progettazione del sistema di ricircolo più adeguato alle esigenze di ogni caso, l’individuazione di ditte specializzate e l’assistenza alla realizzazione, allo start-up e alla gestione. Allo stesso tempo IRIDRA può fornire consulenza nella gestione ed eventuale rimedio di biopiscine malfunzionanti.

biopiscine bionova

Esempio di biopiscina (fonte: Bionova)