IRIDRA

Fitodepurazione - Constructed Wetlands - Sustainable Water Management

Select Language:

Contattaci

 Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 Telefono 055.470729
 Fax 055.475593
 Indirizzo Via Alfonso la Marmora, 51 - 50121 - Firenze

E' consentito l'utilizzo del materiale del sito previa citazione del sito stesso, come specificato a fondo pagina

Phytoremediation

Per fitorisanamento o fitorimedio (phytoremediation) si intendono quelle tecniche che sfruttano i vari processi indotti o prodotti dalle piante per la bonifica di terreni contaminati, quali ad esempio bonifica di aree industriali dismesse, cave, discariche, siti interessati da inquinamento acuto, etc.

In collaborazione con i maggiori istituti di ricerca italiani in tale campo (CNR-IBAF, Dipartimento di Scienze Molecolari e Nanosistemi Università Cà Foscari Venezia), IRIDRA. può fornire ai propri clienti assistenza nella messa a punto di soluzioni di bonifica di siti inquinati mediante tecniche di fitorimedio.

Vantaggi 

  • costi contenuti
  • riutilizzo biomasse per produzione energia elettrica
  • riduzione inquinamento falde
  • riduzione erosione

Approfondimento

Il biorisanamento (phytoremediation) è una tecnologia di bonifica ambientale basata sul metabolismo microbico di determinati microrganismi in grado di biodegradare o detossificare sostanze inquinanti; è considerata una tecnologia di bonifica efficace sulle più diffuse contaminazioni ambientali, che ha il vantaggio di poter essere applicata in situ (senza rimuovere la matrice ambientale contaminata).

Quando si utilizzano anche le piante si parla di fitorisanamento o fitorimedio (phytoremediation): vengono sfruttate particolari specie vegetali definite iperaccumulatori. Nel 2010 sono state riconosciute oltre 450 specie di piante in grado di iperaccumulare i metalli.

I processi che portano alla bonifica del suolo per mezzo delle piante sono diversi e sono classificati come segue.

 
 
 

Processo di rimozione inquinanti

Modalità di rimozione

Inquinanti rimossi




Fitoestrazione (phytoextraction)

Accumulo nel tessuto vegetabile, rimozione per mezzo di sfalcio

Principalmente inorganici

Fitodegradazione (phytodegradation)

Degradazione all'interno del tessuto vegetale, per mezzo di uptake o via enzimi

Inquinanti rimossi per mezzo di ossigenazione o nitroriduzione

Fitostimolazione (phytostimulation)

Stimolazione da parte delle radici delle piante della degradazione degli inquinanti per mezzo dei microbi presenti nella rizosfera

PCBs, PAHs

Fitostabilizzazione (phytostabilization)

Immobilizzazione degli inquinanti nella rizosfera

Metalli e contaminanti organici

Fitovolatilizzazione (phytovolatilization)

Rilascio in atmosfera di inquinanti volatili

Se, As, Hg, Trichlorethylene, Methyl tert-butyl ether






 

Campi di applicazione

Negli ultimi anni è aumentato l’interesse verso le tecnologie di bonifica “verdi” come il bio ed il fitorimedio, grazie a numerose ricerche ed applicazioni su suoli inquinati da metalli pesanti o da inquinanti organici (es. pesticidi): il fitorimedio è applicabile per la bonifica di aree industriali dismesse ma anche per la rivegetazione di cave, discariche, siti interessati da episodi di inquinamento acuto di vario genere, aree golenali, sedimenti di canali o di porti inquinati.

Interessanti anche le applicazioni per bonifiche "leggere" di terreni periurbani da adibire a coltura (es. orti). Diverse sono le tecniche (fonte: CNR-Ibimet): a seconda della necessità, le principali sono: fitodegradazione, fitoestrazione e fitostabilizzazione. Nel caso di inquinanti organici si sfrutta la fitodegradazione impiegando piante in grado di tollerarli, assorbirli, metabolizzarli e renderli meno tossici. I metalli pesanti in quanto non biodegradabili non possono essere metabolizzati dalle piante tramite l’assorbimento diretto dal terreno e dalle acque contaminate. Sostanzialmente per questo tipo di inquinanti le metodologie verdi per il risanamento si realizzano con due modalità differenti in base al tipo e alla concentrazione degli elementi che causano il rischio: la prima, definita Fitoestrazione, prevede la rimozione dell’inquinante dal suolo, la seconda, Fitostabilizzazione consente di creare un ambiente che riduce la mobilità degli inquinanti.

Vantaggi

I vantaggi di tali tecniche sono i costi contenuti, l’impiego di tecnologie verdi, la possibilità di riutilizzo delle biomasse per la produzione di energia, il contenimento dei fenomeni di inquinamento delle falde, la riduzione dell’erosione. Il fitorimedio è quindi una tecnologia efficace, economica e, soprattutto, a basso impatto ambientale che pur non essendo sempre totalmente risolutiva può essere impiegata in alternativa o in combinazione con le tecnologie tradizionali di risanamento.

phytoremediation  web

Esempio di intervento di fitorimedio (fonte CNR-IBAF)